sfondo sfondo sfondo sfondo sfondo sfondo
[carattere normale]  [carattere grande]
mercoledì 26 luglio 2017
ico

Siete su:  Home » Modulistica » Tributi

T.A.R.S.U.


T.A.R.S.U. (Tassa Smaltimento Rifiuti)


Che cos’è?
La TA.R.S.U. è il corrispettivo per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

Chi la paga?
La TA.R.S.U. è dovuta da tutti i soggetti che occupano o detengono, nell'ambito del territorio comunale, locali e/o aree scoperte a qualsiasi uso adibiti in cui si producono rifiuti solidi urbani e rifiuti speciali assimilabili agli urbani, purchè il servizio sia reso in maniera continuativa.

Onere di denuncia
Entro il 20 gennaio successivo all'inizio della occupazione di locali ed aree scoperte deve essere presentata denuncia unica dei locali ed aree tassabili ai fini della tassa smaltimento rifiuti. La denuncia ha effetto anche per gli anni successivi, qualora le condizioni di tassabilità siano rimaste invariate. In caso contrario l'utente è tenuto a denunciare, nelle medesime forme, ogni variazione relativa ai locali ed aree, alla loro superficie e destinazione che comporti un maggior ammontare della tassa o comunque influisca sull'applicazione e riscossione del tributo in relazione ai dati da indicare nella denuncia.

Come si determina?
La tassa dovuta da ciascun contribuente è determinata dall’Amministrazione Comunale in base a tariffe prestabilite. Il sistema di tassazione oggi in vigore prevede il pagamento del servizio sulla base dei metri quadrati dell'immobile. Le tariffe attualmente in vigore sono le seguenti:

Categ.
Tassa per mq.
Locali in uso
1
0,51903
Musei, biblioteche, scuole

2
0,60787
Abitazioni civili occupate e/o tenute a disposizione - convivenze

3
1,022481
Attività con vendita al dettaglio di beni durevoli(negozi di abbigliamento, calzature, ferramenta, esposizioni)

4
1,04015
Attività di servizi(uffici, farmacie)

5
1,06743
Attività generi alimentari, supermercati,circoli

6
1,09488
Attività artigianali ed industriali

7
1,12226
Bar, caffè, pizzerie

8
0,65694
Magazzini e/o altri beni strumentali che non siano pertinenze di fabbricati


Come si paga?
Il diritto deve essere pagato  con gli appositi bollettini inviati a domicilio dalla società concessionaria Bipiesse Riscossioni spa, che cura la riscossione. Il versamento può essere effettuato presso le poste e presso gli sportelli della Bipiesse Riscossioni spa. 

Normativa di riferimento
Decreto Legislativo 15/11/1993 n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni.