sfondo sfondo sfondo sfondo sfondo sfondo
[carattere normale]  [carattere grande]
domenica 30 aprile 2017
ico

Siete su:  Home » Il Paese » Storia » Il piano di recupero dell'antico borgo

LA STORIA


IL PIANO DI RECUPERO DELL'ANTICO BORGO


Il piano di recupero dell'antico Borgo
In data 7 Febbraio 1997, oltre alla tutela della Cattedrale di Tratalias il Soprintendente ai Beni Ambientali, Architettonici, Artistici e Storici per le province di Cagliari ed Oristano, ai sensi della legge n° 1089/39, ha dichiarato le abitazioni sopravvissute alle demolizioni del 1991, ubicate intorno alla Cattedrale, resti monumentali di particolare interesse storico-artistico. L’intera area di intervento proposta è sita nella zona A all’interno del P.U.C. (Piano Urbanistico Comunale). Nel mese di Febbraio del 2003 è stato approvato definitivamente anche il Piano Particolareggiato del Centro Storico.

Il progetto di recupero e valorizzazione del Borgo Medioevale abbandonato di Tratalias è stato affidato all’Ufficio Speciale per il Recupero del Centro Storico.
Obiettivo fondamentale di tale progetto è quello di valorizzare le residue testimonianze del nucleo urbano di matrice medioevale, cioè di quella risorsa culturale che oggi costituisce la parte più fragile e compromessa del territorio comunale.

L’intervento progettuale previsto si colloca nel contesto delle strategie prefigurate dai piani di sviluppo regionali e della politica di valorizzazione delle risorse economiche e culturali della Sardegna, in coerenza con le prospettive di una incisiva azione di sostegno finanziario del POR 2000/2006 volto al recupero dei valori tradizionali e ambientali della Sardegna.
L’iniziativa in particolare costituisce una concreta occasione per il rilancio dell’economia locale e si integra nel più ampio contesto delle attività di riqualificazione e sviluppo delle risorse culturali del territorio del Basso Sulcis. Pertanto l’intervento trae le proprie motivazioni anche dalla crescente domanda di servizi pregiati e di qualità ambientale che è sostenuta dalla popolazione residente che in esso scorge la possibilità di trovare un’opportunità di impiego dati i rilevanti flussi turistici già esistenti nel territorio.
È altresì importante per la popolazione di Tratalias che non vada perduto un patrimonio carico di ciò che è vivo nella memoria, una memoria storica ben radicata. Infatti si sente la necessità di recuperare il luogo in cui da sempre e a tutt’oggi si svolge ogni anno nel mese di Maggio la festa patronale, con l’antichissima processione di Santa Maria di Monserrato, patrona del Sulcis.

L’intervento proposto riguarda il recupero di una porzione di territorio individuata all’interno del progetto come area da destinare ad attività artigianali e di piccolo commercio nonché lo studio di un percorso museale artistico, storico ed ambientale della zona adibita ad attività culturali e di servizio: museo del territorio, centro di informazioni turistiche e documentarie del territorio, ristorante e zona di ricezione turistica. L’obiettivo è quindi rivolto al recupero di spazi destinati ad accogliere realtà produttive locali basate su lavorazioni tipiche del territorio e l’individuazione di un percorso culturale interno al centro storico che costituisce un sicuro richiamo turistico ed un’importante iniziativa pubblica idonea a stimolare anche l’iniziativa privata.
Alla data odierna sono stati completati i lavori di restauro della Cattedrale; la ristrutturazione di alcuni fabbricati ora adibiti a ristorante e il locale per l’ufficio di informazioni turistiche e l’Ufficio Speciale per il Recupero del Centro Storico che sono già funzionanti; il rifacimento di alcune abitazioni da adibire a struttura museale e archivio storico comunale. È da sottolineare che l’amministrazione comunale ha provveduto a compiere alcuni dei sopraccitati interventi con mezzi propri e soprattutto con l’impiego di manodopera locale quali artigiani specializzati nel recupero degli antichi materiali edilizi di cui erano costituiti i vecchi fabbricati medioevali (un esempio la fabbricazione manuale del ladiri, gli antichi mattoni sardi).